Post Date : 2 dicembre 2014

REPORT | Handimatica 2014: le 8 cose che ci sono piaciute di più

social books handimatica
social books handimatica

Videos

Post Detail

#Video #Handimatica2014 @FondazioneAsphi @genitoritosti @AudioGame_IT @farfallaproject @CoopArchilabo

Dal 27 al 29 novembre 2014 si è svolta la X edizione di HANDImatica, la mostra- convegno nazionale su tecnologie ICT, inclusione e disabilità. Noi di Bolognachannel abbiamo seguito l’evento conoscendo persone, associazioni e aziende che da anni si impegnano a costruire una società accessibile e inclusiva sfruttando il digitale e le nuove tecnologie.

Ecco le cose che ci sono piaciute di più:

La scuola

001 handimatica 027Scegliere come location dell’evento l’Istituto Aldini Valeriani Sirani è stato un esempio concreto di scuola aperta. L’istituto ha aperto le proprie porte anche al di fuori dell’orario scolastico, ospitando e coinvolgendo la cittadinanza, diventando luogo in cui scambiare idee, fare esperienze, confrontarsi e conoscere altre realtà. Gli studenti sono stati coinvolti in prima persona, fornendo un enorme supporto alla manifestazione in termini di logistica: nei tre giorni di Handimatica si sono trasformati negli HandiAngels.
In modo molto professionale e disponibile, hanno accolto i visitatori alla reception e al guardaroba, hanno presidiato gli info point e le sale convegno, hanno offerto informazioni, aiuto e anche accompagnamento ai visitatori. Un gruppo si è occupato della comunicazione con interviste, riprese  e foto.  Altri, presentando le esperienze laboratoriali e tecniche che svolgono durante l’anno, hanno compreso come possono essere applicate nel mondo lavorativo le conoscenze apprese a scuola.

Il tempo

001 handimatica 033Abituati ad una vita frenetica e a ritmi rapidi, spesso ci ritroviamo a fare le cose di corsa anche quando non è necessario. Ad Handimatica si è respirato invece un tempo diverso, rallentato, dilatato, personalizzato. Incontrare e confrontarsi con persone con disabilità sensoriali, motorie, cognitive che hanno ritmi di vita spesso molto diversi da quelli a cui la maggior parte di noi è abituata, è stata un’occasione per “rallentare” e capire l’importanza di prendersi il tempo necessario per fare le cose.

L’accessibilità

Una parola che riecheggiava spesso negli stand e durante i convegni. Accessibilità intesa a 360°, rivolta a tutti gli ambiti della vita quotidiana. Anche un sito internet può risultare una barriera architettonica per qualcuno se non è un sito accessibile. Iniziare a pensare in modo “accessibile” porta ad avere una società più inclusiva e smart.

I partecipanti

Tante le associazioni e gli espositori presenti. Tante le innovazioni e le idee presentate. E tante le persone che avevano voglia di fare rete, conoscersi e scambiarsi esperienze e buone prassi.
Fra le tantissime, ci hanno colpito:

Genitori tosti: un’associazione fatta da genitori che si sono conosciuti in maniera virtuale, per darsi aiuto a vicenda, per confrontarsi. Promuovono iniziative per tutelare i diritti delle persone disabili, come ad esempio la raccolta firme per la petizione al Parlamento europeo per dare diritti ai Caregiver Familiari, quelle persone che si curano in ambito domestico di un proprio familiare non autosufficiente, 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno. Queste persone, in Italia, ancora non godono dei diritti basilari e il loro lavoro non viene riconosciuto né tutelato da alcuna normativa nazionale.
Per saperne di più sulla petizione: http://la-cura-invisibile.blogspot.it
Questo, invece, un loro video.

Audiogame.it 001 handimatica 037sviluppa videogiochi dedicati a persone ipovedenti o non vedenti. In prima linea nello studio e lo sviluppo di strumenti didattici, simulatori e videogiochi sulla disabilità, hanno tanti amici e colleghi non vedenti che collaudano i giochi e suggeriscono loro nuove idee e desideri videoludici continuamente.

Farfalla Project: una semplice applicazione web, leggera e versatile, che permette di rendere il web più accessibile, facilitando l’aggiunta di alcune funzionalità base legate all’accessibilità per chi crea o gestisce un sito web e fornire ad un utente con bisogni speciali alcuni strumenti utili. È un Software Libero! e installarlo è semplicissimo.

Social Book2s è una nuova idea di libro multimediale ad alta leggibilità, specialmente adatta a studenti con DSA. L’idea di social books nasce dalla creazione partecipata e cooperativa, propria del web, fra studenti, insegnanti, educatori multimediali, facilitatori grafici, tutor dell’apprendimento, sviluppatori di animazioni multimediali. Il metodo innesca un circolo virtuoso nella prassi didattica, nei processi di apprendimento e nell’attività editoriale dedicata alla scuola.

Inoltre ci hanno colpiti la cucina compatta accessibile al 100%, che non necessita di opere murarie, perché cucinare è una pratica quotidiana a cui non si deve rinunciare. Il sistema di stampanti laser a toner bianco su carta nera o colori scuri per facilitare la lettura delle persone ipovedenti, perché una prospettiva diversa di concepire le cose e un’idea semplice possono migliorare molte problematiche. Le applicazioni che sfruttano nuove tecnologie all’avanguardia, come  la realtà aumentata, perché alcune di queste non servono solo come strumenti “ludici”, ma offrono validi supporti alle attuali soluzioni di riabilitazione, sia fisica che cognitiva.

Tags

Author

Related Posts

©2014 bolognachannel.tv