Post Date : 25 marzo 2014

CREATIVITA’, INDUSTRIA ED ECONOMIA: L’EUROPA NE DISCUTE A BOLOGNA. DAL 26 AL 28 MARZO IL MEETING TRANSNAZIONALE DI CREATIVE SPIN

Wonderactive
Wonderactive

Post Detail

#bologna @incredibol #incredibol @twiperbole

Si   svolgerà   a  Bologna,  dal  26  al  28  marzo  prossimi,  il  meeting
transnazionale  di  Creative SpIN, progetto europeo URBACT per la creazione
di  un  network  tra  città  europee  volto a sviluppare connessioni tra le
industrie culturali e creative e i settori economici tradizionali.
Bologna,  che aderisce al progetto dal marzo dello scorso anno, ospiterà le
delegazioni    europee   composte   da   rappresentanti   delle   pubbliche
amministrazioni locali di otto paesi (Regno Unito, Francia, Olanda, Belgio,
Germania,  Slovacchia,  Estonia  e  Portogallo)  e  imprenditori attivi nei
settori  tradizionali  e  di  imprese  culturali e creative. Il simposio di
questi  giorni  comprenderà  visite  a  realtà  industriali  del territorio
bolognese  come Ducati e Lamborghini ma anche a piccole imprese culturali e
creative,  aree urbane in riqualificazione e numerosi incontri di confronto
tra i delegati e rappresentanti locali.

Il  transnational  meeting,  organizzato  in  concomitanza con la Fiera del
Libro per Ragazzi, propone anche momenti di incontro e dibattito aperto con
professionisti e cittadini.
Inoltre  saranno presentati in anteprima due progetti di interaction design
realizzati   dai   vincitori   del   bando  “Co-working@ABABO”  nato  dalla
collaborazione  tra  il  progetto  Incredibol!  l’innovazione  creativa  di
Bologna  del  Dipartimento  Economia e Promozione della Città del Comune di
Bologna e l’Accademia di Belle Arti di Bologna.

Gli appuntamenti dal 26 al 30 marzo
Gli  appuntamenti  pubblici  iniziano il 26 marzo alle 14.30 alla Fiera del
Libro  per  Ragazzi  con  “Editoria  e  creative  spillover”,  incontro con
Philippe Kern, direttore di KEA – European Affairs, ente europeo di ricerca
e  consulenza  strategica in materia di industrie culturali e creative, con
sede a Bruxelles, vero e proprio “guru” dell’economia nel settore creativo.

Il saluto ufficiale della città e l’inizio dei lavori sarà dato dal Sindaco
di Bologna Viriginio Merola  il 27 marzo, dalle 9:30 nella Cappella Farnese
di  Palazzo  d’Accursio,  con  interventi  di  Patrizio  Bianchi (Assessore
Scuola,  formazione  professionale,  università  e  ricerca,  lavoro  della
Regione  Emilia-Romagna) e Ivano Dionigi (Magnifico Rettore dell’Università
di Bologna).

Infine,  venerdì  28  marzo  dalle  9, si terrà la tavola rotonda “Creative
spillover   per   uno   sviluppo  locale”  nell’aula  Magna  della  Regione
Emilia-Romagna. Il simposio indagherà l’influenza delle arti nello sviluppo
economico  e  industriale,  attraverso  gli  interventi  di Silvano Bertini
(Dipartimento  per lo sviluppo economico, ricerca industriale e innovazione
tecnologica   della   Regione   Emilia-Romagna),   Elena   Formia   (Design
industriale,  Dipartimento di architettura – Università di Bologna), Walter
Guadagnini  (Dipartimento  di  fotografia  –  Accademia  di  Belle  Arti di
Bologna),   Giacomo  Manzoli  (Dipartimento  delle  Arti  –  Università  di
Bologna),  Veronica  Innocenti  (DAMS  –  Università di Bologna), Nicoletta
Giusti  (Dipartimento  di  Scienze  Aziendali  –  Università di Bologna ) e
Giorgia  Boldrini  (Dipartimento Economia e promozione della Città – Comune
di Bologna).

Saranno  poi  visibili,  negli  stessi giorni, due anteprime di progetti di
interaction  design,  tutte  made  in  Bologna.  L’ambiente  interattivo di
RI///FLUX  sarà  visitabile  giovedì  27  marzo  dalle 10 alle 19 all’Urban
Center  (piazza  Nettuno  3).  L’installazione  interattiva “Clorofilla” di
Wonderactive,  invece,  sarà  visibile alla Cappella Tremlett di Palazzo Re
Enzo (piazza Nettuno 1) dal 26 al 30 marzo.
Entrambi  i  progetti  sono  ospiti del New Design Center dell’Accademia di
Belle Arti di Bologna, spazio di coworking tra designer assegnato grazie al
progetto  “Co-working@ABABO”  frutto della collaborazione tra l’Accademia e
il  progetto  del Comune di Bologna Incredibol! – l’innovazione creativa di
Bologna.

Cos’è Creative SpIN
Creative  SpIN  (creative  spillovers  for  innovation)  è  un progetto del
programma europeo URBACT della durata di tre anni (2012-2015), promosso per
creare  strumenti  e  metodi che stimolino l’innovazione e la creatività in
imprese  e  in  altre organizzazioni pubbliche e private. Il suo principale
obiettivo  è  quello di favorire l’interazione tra le industrie culturali e
creative,  ormai  riconosciute  come fondamentali motori per lo sviluppo, e
altri  settori  economici  e sociali in modo da stimolare effetti indiretti
(‘spillover’).

Oltre  a  Bologna,  Creative  SpIN  include  Birmingham  (Regno Unito) come
capofila  del  progetto,  e  le  città partner di Mons (Francia), Rotterdam
(Olanda),  Kortrijk (Belgio), Essen (Germania), Kosice (Slovacchia), Tallin
(Estonia) e Obidos (Portogallo).

Il  Comune di Bologna, anche alla luce degli obiettivi di Europe 2020 e del
programma Creative Europe, si è impegnato a sviluppare un Local Action Plan
e  ad  attivare  un  Gruppo  Locale  di  Supporto  coinvolgendo  la Regione
Emilia-Romagna, la Provincia di Bologna, Aster, l’Università degli Studi di
Bologna  e i partner della rete sviluppatasi intorno al progetto Incredibol
– l’Innovazione Creativa di Bologna.
Al  link  http://goo.gl/CzK4DY  è  possibile  consultare  il Baseline Study
prodotto da KEA che descrive il network, con la descrizione dei partner e i
contesti in cui ognuno di essi opera.

Incredibol! – l’Innovazione Creativa di Bologna / Comune di Bologna
www.incredibol.net  |  facebook.com/incredibol  | twitter.com/incredi_bol |
incredibol@comune.bologna.it
Per      la      comunicazione:     Matteo     Turricchia,     051/2195421,
matteo.turricchia@comune.bologna.it

 

Tags

Author

©2014 bolognachannel.tv