Post Date : 20 gennaio 2014

Gianni Morandi “cori razzisti mi sono vergognato”

1135979-dalla-morandi_allo_stadio
1135979-dalla-morandi_allo_stadio

Post Detail

#bologna @giannimorandi @bolognafc #bolognacalcio #luciodalla #stadiodallara @twiperbole @virginiomerola

Ieri allo Stadio Dall’Ara di Bologna doveva essere una bella giornata di sport al di là del risultato, ma non è stato così. Gianni Morandi presidente onorario del Bologna calcio insieme al direttore del MAMBO (Museo di Arte Moderna di Bologna) avevano lanciato una bella iniziativa, trasmettere le note di “caruso” dell’indimenticabile Lucio Dalla negli altoparlanti dello stadio prima dell’inizio della gara di serie A fra Bologna e Napoli. Doveva essere un gesto di distensione prima di una gara che vedeva opposte le due tifoserie, oltre 10.000 i partenopei allo stadio. Tutti conoscono l’amore che aveva Lucio Dalla per la Città di Napoli (era anche cittadino onorario), tutti conoscono il grande amore per lo sport e per il calcio di Gianni Morandi, persona sempre presente ed affettuosa per scopi sociali ed educativi. Ma la situazione è precipitata quando suonavano le note di Lucio, il pubblico napoletano intonava la canzone e poi omaggiavano  anche Lucio con dei cori “Luciooo Lucioo ole ole ole”, dall’altra parte rispondeva la curva del Bologna con dei fischi ed un coro razzista “vesuvio lavali col fuoco” ed esponevano anche striscioni offensivi e discriminatori. Stamattina Gianni Morandi sul suo profilo facebookha commentato così: “20 gennaio. Ieri allo Stadio di Bologna è successo qualcosa di inqualificabile e di cui mi sono vergognato. Prima dell’inizio della partita sono comparsi striscioni intollerabili contro la squadra e la città di Napoli e mentre le note di CARUSO con la voce di Lucio risuonavano nell’aria, una parte della curva dei tifosi rossoblu ha cominciato a fischiare. Non credevo che il tifo fosse degenerato a questo punto. Sono lontani i tempi quando lo Stadio di Bologna veniva preso ad esempio per la civiltà e la sportività del pubblico presente, che sapeva addirittura applaudire la squadra avversaria quando giocava meglio della nostra. Non so quanti fossero ieri quegli incivili, capaci di un simile comportamento, razzista ed offensivo. Spero fossero pochi, ma certamente io non mi riconosco in loro, che oltraggiano la figura di Lucio e insultano gli avversari con questa maleducazione deficiente. E essere il presidente onorario, anche se è una carica simbolica e forse inutile, non mi piace più“. Anche la Società felsina si è opposta a quanto accaduto, lo stesso presidente Guaraldi e il neo allenatore si sono espressi ed indignati per l’episodio razzista e di poco rispetto nei confronti di una figura come Lucio Dalla.

Di seguito, la dichiarazione del Sindaco Virginio Merola sui fatti accaduti
allo Stadio Dall’Ara durante la partita Bologna-Napoli.

“I cori andati in scena domenica scorsa durante l’esecuzione di Caruso allo
stadio,  a  pochi  minuti  di  Bologna-Napoli,   non sono accettabili. Si è
trattato  di  comportamenti  che  nulla  hanno a che fare con lo sport. Una
violenza  verbale  inconcepibile,  da  condannare. Inoltre, così facendo, è
stata  infangata  la memoria di Lucio Dalla, persona che ha sempre amato la
sua città e Napoli.
Comprendo la scelta di Gianni Morandi, mi unisco alle sue parole di sdegno,
mi auguro però che non abbandoni la presidenza onoraria del Bologna FC”.

In esclusiva il video di bolognachannel.tv:

 

Tags

Author

©2014 bolognachannel.tv