Post Date : 12 dicembre 2013

ISTITUZIONE BOLOGNA MUSEI, GLI APPUNTAMENTI DA VENERDI’ 13 A GIOVEDI’ 19 DICEMBRE

museo davia bargellini_mostra presepi
museo davia bargellini_mostra presepi

Post Detail

#bologna #twiperbole #museibologna #bibliotechebologna

Ogni  settimana i Musei Civici di Bologna propongono un ricco calendario di
appuntamenti,  per  svelare  le  loro  collezioni  e  raccontare aspetti ed
episodi  inediti e curiosi della storia della città, anche attraverso punti
di vista differenti e insoliti accostamenti fra le diverse collezioni.
Conferenze,  laboratori,  concerti, visite guidate, visite in lingua sono i
principali  “strumenti”  di questo racconto, che si dispiega lungo millenni
di  storia,  dai primi utensili in pietra di uomini vissuti 800.000 anni fa
ai  prodotti  dell’attuale  distretto industriale, dalla pittura alle varie
forme  dell’arte  moderna  e contemporanea, dalla musica alle grandi epopee
politiche e civili.

Di  seguito  gli  appuntamenti  in  programma  da  venerdì  13 a giovedì 19
dicembre.

IN EVIDENZA

Il  MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna collabora con la Fondazione del
Monte  di  Bologna  e  Ravenna  per  la mostra “Magic Numbers” di Christian
Jankowski,  curata da Gianfranco Maraniello e Maura Pozzati. L’esposizione,
che si tiene nella sede della Fondazione (via delle Donzelle, 2 – Bologna),
è  aperta  al  pubblico dal 15 dicembre 2013 al 16 febbraio 2014 e inaugura
sabato 14 dicembre alle 18.
In  “Magic  Numbers”  Christian  Jankowski,  che  con  i  suoi lavori ci ha
abituato  ad  acute  e  ironiche  analisi sui rapporti tra arte e audience,
realtà  e  rappresentazione,  produzione  commerciale  e cultura “alta”, si
interroga    sulle   possibili   relazioni   tra   arte   e   magia,   tema
contemporaneamente  esplorato  al MAMbo, con l’ampia esposizione “La Grande
Magia. Opere scelte dalla Collezione UniCredit”.
Info: www.fondazionedelmonte.it – www.mambo-bologna.org

GLI ALTRI APPUNTAMENTI

giovedì 12 dicembre

ore 15-18.30: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
Apertura  straordinaria  del museo, in occasione della mostra “Alle origini
del presepio bolognese”.
Ingresso: gratuito
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/

venerdì 13 dicembre

ore 15-18.30: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
Apertura  straordinaria  del museo, in occasione della mostra “Alle origini
del presepio bolognese”.
Ingresso: gratuito
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
ore 16: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – via Don Minzoni 14
Per il ciclo Leggere il ‘900
“Andrea Balzola legge ‘L’arte fuori di sé’ di Andrea Balzola e Paolo Rosa”
Leggere  il  ‘900  è il tentativo di dare una significativa risposta a quel
disorientamento,  a  quella  fragilità  di  sentimento  di cittadinanza che
connotano la nostra vita attuale.
In  ciascuno  degli incontri una personalità delle arti e delle professioni
proporrà  la lettura di un classico del Novecento con cui abbia un rapporto
di  emozione,  di  meraviglia,  di  scoperta,  affinché  il  pubblico possa
condividere un percorso di comprensione della realtà.
Leggere il ‘900 è un progetto della Fondazione Gramsci dell’Emilia Romagna,
coordinato da Alessandro Castellari e con la collaborazione della Compagnia
del Teatro dell’Argine e MAMbo.
Ingresso  con iscrizione obbligatoria contattando segreteria@iger.org, tel.
051 231377, www.iger.org
Info: www.mambo-bologna.org

sabato 14 dicembre

ore 15-18.30: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
Apertura  straordinaria  del museo, in occasione della mostra “Alle origini
del presepio bolognese”.
Ingresso: gratuito
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
Museo della Musica – Strada Maggiore 34
ore 16.30:
Per  il  ciclo  Musicaviva  “Canzoni e zirudelle all’epoca dei cantastorie:
Marino Piazza”
Conferenza spettacolo con Giuliano Biolchini e Giuliano Piazza.
Ingresso: gratuito fino ad esaurimento posti
Info: www.museomusicabologna.it
ore 17:
Per  il  ciclo Musica, istruzioni per l’uso “I Serassi: una regale dinastia
di organari”
Conferenza   di   Giosuè   Berbenni,  in  collaborazione  con  Associazione
Arsarmonica per Itinerari organistici 2013.
Ingresso: gratuito fino ad esaurimento posti
Info: www.museomusicabologna.it

domenica 15 dicembre
ore 10.30: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
Per il ciclo Natale ai Musei Civici d’Arte Antica
“Alle origini del presepio bolognese”
Visita  guidata  alla  mostra  con  Silvia  Battistini, Musei Civici d’Arte
Antica.
Apertura straordinaria del museo dalle 15 alle 18.30.
Ingresso: gratuito
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
ore 11: Museo per la Memoria di Ustica – via di Saliceto 3/22
“Visita guidata al Museo per la Memoria di Ustica”
Una  visita  al  luogo che l’artista francese Christian Boltanski ha creato
per   la   città  in  ricordo  delle  vittime  della  tragedia  di  Ustica.
Un’occasione  per  riflettere  sulla memoria e sull’identità di ciascuno di
noi, ripercorrendo le vicende della nostra storia contemporanea.
Prenotazione     obbligatoria     allo     051     6496628     oppure     a
mamboedu@comune.bologna.it.
Ingresso museo: gratuito
Visita guidata: € 4,00
Info: www.mambo-bologna.org
ore 15: Casa Morandi – via Fondazza 36
“Giorgio Morandi: odorose memorie d’artista”
Workshop in collaborazione con Smell Atelier
I  profumi di una Bologna che fu, una tavola apparecchiata, gli ingredienti
per  fare  i colori e altre memorie sensoriali ci guidano nella casa di via
Fondazza  in  cui visse e lavorò Giorgio Morandi. Durante questo suggestivo
workshop,  apriremo  un  dialogo  tra la biografia dell’artista e il nostro
personale  vissuto,  sperimentando  la  creazione  di  un profumo legato ai
nostri ricordi.
Prenotazione obbligatoria su www.smellfestival.it.
Ingresso: € 15,00
Info: www.mambo-bologna.org –  www.smellfestival.it
ore 17.30: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
Per il ciclo Vita d’Artista
Proiezione  di “Visual acoustics – The modernism of Julius Shulman” di Eric
Bricker, (2010, 83′).
Narrato da Dustin Hoffman, “Visual acoustics” celebra la vita e la carriera
di  Julius  Shulman,  il più grande fotografo di architettura del mondo, le
cui  immagini hanno portato l’architettura moderna al mainstream americano.
Shulman,  scomparso  nel  2010,  ha  catturato  il  lavoro  di molti grandi
architetti  dal  1930  tra  cui  Frank  Lloyd  Wright, Richard Neutra, John
Lautner,  e  Frank Gehry. Le sue immagini esprimevano la singolare bellezza
del  movimento  modernista  del  sud  della  California,  portando  le  sue
strutture iconiche all’attenzione del grande pubblico.
Ingresso: gratuito
Info: www.mambo-bologna.org

giovedì 19 dicembre
ore 15-18.30: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
Apertura  straordinaria  del museo, in occasione della mostra “Alle origini
del presepio bolognese”.
Ingresso: gratuito
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
ore 18.30: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
“La Grande Magia. Opere scelte dalla Collezione UniCredit”
Visita guidata alla mostra, a cura del Dipartimento educativo MAMbo.
Prenotazione     obbligatoria     allo    051    6496628/611    oppure    a
mamboedu@comune.bologna.it.
Ingresso:  € 4,00 + biglietto museo (€ 6,00 intero / € 4,00 ridotto) (per i
convenzionati:  €  3,00  per  la  visita guidata + € 4,00 per l’ingresso in
mostra)
Info: www.mambo-bologna.org

PER I BAMBINI

sabato 14 dicembre
ore 10.30: Museo della Musica – Strada Maggiore 34
Per il ciclo The best of “musicAteatro”
Laboratorio  teatrale in 2 incontri con Bruno Cappagli a cura de La Baracca
– Testoni Ragazzi (1° incontro).  Per bambini da 8 a 12 anni e genitori.
Prenotazione obbligatoria allo 051 2757711
oppure a prenotazionimuseomusica@comune.bologna.it
Ingresso: € 4,00 (gratuito per un accompagnatore adulto)
Info: www.museomusicabologna.it
ore 15.30: Collezioni Comunali d’Arte, Palazzo d’Accursio – Piazza Maggiore
6 e MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – via Don Minzoni 14
“Raro, rarissimo, anzi, magico! Il museo come luogo di infinite meraviglie”
Un  nuovo  percorso  di  visita  e  laboratorio  alla  scoperta della magia
nell’arte dal passato ai giorni nostri. Per bambini da 7 a 9 anni.
Ritrovo presso le Collezioni Comunali d’Arte. Ritiro presso il Dipartimento
educativo MAMbo.
Prenotazione     obbligatoria     allo     051     6496628     oppure     a
mamboedu@comune.bologna.it.
Ingresso: € 4,00
Info: www.mambo-bologna.org

domenica 15 dicembre
ore 15.30: Museo del Patrimonio Industriale – via della Beverara 123
“Le  antiche  macchine  mosse  dall’acqua” laboratorio per bambini da 3 a 6
anni.
L’acqua  è uno dei beni più preziosi: senza di essa non esisterebbe la vita
sulla  Terra. Ma non solo! Per moltissimi secoli l’uomo ha sfruttato questa
sostanza   come   energia   per   muovere   macchine   in  legno  e  pietra
tecnologicamente   complesse:   i  mulini,  conosciuti  già  dai  Romani  e
utilizzati per macinare finemente grano e frumento.
Il laboratorio prende il via mostrando ai bambini – con giochi e animazioni
interattive – le fasi principali della coltivazione del grano (dalla semina
al  raccolto)  e  quelle  relative  alla  sua  successiva trasformazione in
farina.  Con  l’ausilio  di  modellini  e  oggetti storici della collezione
Aldini-Valeriani  viene  mostrato  il  funzionamento  del  mulino da grano,
macchina  antichissima  già  nota ai Greci e ai Romani, in cui grandi ruote
mosse  dall’energia  dell’acqua  azionano  pesanti  macine  in  pietra  per
polverizzare semenze e frumento.
Prenotazione  obbligatoria  allo 051 6356611 (entro le ore 13 di venerdì 13
dicembre).
Ingresso: € 4,00 (gratuito per un accompagnatore adulto)
Info: www.comune.bologna.it/patrimonioindustriale
ore 16: Museo Davia Bargellini – Strada Maggiore 44
In occasione della mostra Alle origini del presepio bolognese
Laboratorio  per  bambini  da  6  a  10 anni a cura di Angela Lezzi, “Senza
titolo” Associazione culturale.
Dopo  un  breve percorso tra le sale del museo alla scoperta dei presepi di
epoche diverse, i bambini saranno chiamati a realizzare un presepe di carta
pop  up.  Per  facilitare  il  lavoro  verranno  predisposti  i modelli già
stampati su cartoncini colorati.
Prenotazione obbligatoria allo 051 2193916 (max 15 posti)
Ingresso: € 4,00 a bambino (gratuito per un accompagnatore adulto)
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/

giovedì 19 dicembre
ore 17: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – via Don Minzoni 14
“Giovedì  sotto  l’albero”, aspettando il Natale, il Dipartimento educativo
MAMbo  propone  un laboratorio a tema, dedicato alle festività. Per bambini
da 5 a 9 anni.
Ispirandosi all’opera di Peter Blake, i bambini potranno autoritrarsi nelle
vesti  di  maghi, alchimisti, stregoni e dare vita al proprio “incantesimo”
per  trasformare  paesaggi  di  città contemporanee in scenari misteriosi e
surreali.
Prenotazione     obbligatoria     allo    051    6496628/611    oppure    a
mamboedu@comune.bologna.it.
Ingresso: € 5,00
Info: www.mambo-bologna.org

MOSTRE

Museo Medievale – via Manzoni 4
“Ex  tempore. Soffitti e volte”. Mostra fotografica di Antonio Cesari, fino
al 2 marzo 2014
La mostra, a cura dei Musei Civici d’Arte Antica, presenta una selezione di
40  opere, realizzate dal fotografo Antonio Cesari tra l’agosto e l’ottobre
2013,  eseguite  a luce naturale, con una macchina digitale, all’interno di
alcune  fra  le  testimonianze  architettoniche più rilevanti dei palazzi e
delle chiese di Bologna.
Le  fotografie  riproducono  in  particolare  i  soffitti  e  le  volte di:
Accademia di Belle Arti, Palazzo Zambeccari, Santuario della Madonna di San
Luca,  Palazzo  Poggi, Chiesa di Santa Caterina di Strada Maggiore, Palazzo
Sanguinetti già Aldini, Chiesa di San Paolo Maggiore, Biblioteca Salaborsa,
Chiesa  di  San  Giacomo  Maggiore,  Palazzo  d’Accursio,   Chiesa  del  SS
Salvatore,  Palazzo  Ghisilardi, Basilica Collegiata dei Santi Bartolomeo e
Gaetano,  Chiesa  di  Santa  Maria  della  Vita,  Basilica di San Domenico,
Basilica di Santa Maria dei Servi, Palazzo Magnani, Chiesa del Sacro Cuore,
Palazzo  Malvezzi  De’  Medici,  Palazzo  Pepoli Campogrande, Chiesa di San
Filippo  Neri,  Convento  di  San  Giovanni  in  Monte,  Palazzo Hercolani,
Basilica  di  San  Francesco, Chiesa di San Girolamo della Certosa, Palazzo
Marescotti,  Basilica  di  San  Petronio,  Chiesa  dei  SS Gregorio e Siro,
Palazzo Bentivoglio, ex Convento degli Agostiniani (Conservatorio di Musica
“G.B.   Martini”),  Chiesa  di  San  Benedetto,  Palazzo  Isolani,  Palazzo
Bianconcini, Basilica di Santo Stefano.
Il  metodo  di  lavoro  utilizzato  da  Antonio  Cesari è stato scandito in
diversi  momenti:  per  prima cosa ha utilizzato i più svariati appoggi per
fissare  la  macchina  (una  “vecchia”  digitale con un buon grandangolo) –
scalini,  panche,  sedie,  basi  di  pilastri  e  colonne; poi ha allineato
macchina   e   soffitti   utilizzando  l’ordine  geometrico  delle  panche,
l’ortogonalità   dei   pavimenti   e   i  gradini  squadrati,  «non  quelli
settecenteschi  che  hanno  posto  diversi  problemi, come pure i pavimenti
“seminati” e privi di geometrie ortogonali». (Antonio Cesari)
Dopodiché  in maniera veloce, «sull’onda dell’emozione data dalla luce, dai
colori, dalle forme», le fotografie sono state scattate con luce naturale e
senza l’ausilio del cavalletto.
La mostra è stata realizzata con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti
di   Bologna   e  con  il  contributo  di  ICA  SpA  Packaging  Machines  e
Coop.Costruzioni.
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
“Incanti  di musica. I libri liturgici del Museo Civico Medievale”, fino al
6 gennaio 2014
Nella  Sala  dei  Codici Miniati viene presentata una selezione della ricca
collezione  di  libri  corali  di  proprietà del museo, provenienti dai più
importanti  conventi cittadini. Gli splendidi volumi sono arricchiti da una
ricca  decorazione eseguita da alcuni dei più importanti miniatori attivi a
Bologna nei secoli XIII-XVI.
La  mostra,  a  cura  di  Massimo  Medica,  Paolo Cova e Ilaria Negretti, è
realizzata in occasione di Artelibro Festival del Libro d’Arte.
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/
“’Invincibili’  Ottomani.  Armi  ed insegne turche nelle raccolte del Museo
Civico Medievale”, fino al 31 dicembre 2013
Realizzata  in  occasione  delle celebrazioni per il terzo centenario della
fondazione dell’Istituto delle Scienze, ad opera del celebre generale Luigi
Ferdinando  Marsili  (1658-1730),  la mostra espone importanti pezzi ancora
sconosciuti  al  pubblico,  quali scimitarre, pugnali, pistole e moschetti,
anche preziosamente decorati.
Info: www.comune.bologna.it/iperbole/MuseiCivici/

Museo della Musica,  – Strada Maggiore 34
“In  mobile  carta. Design e origami in musica” Installazione realizzata da
Elisa  Cavani  e  Marisa Cortese, nello Spazio mostre temporanee. fino al 6
gennaio 2014
Un’installazione   immersiva   e  interattiva.  Gli  oggetti  recuperati  e
risignificati   dall’intervento  artistico  di  Elisa  Cavani,  designer  e
fondatrice  di Manoteca, si arricchiscono del potere evocativo – figurativo
e astratto – dell’origami, arte giapponese di piegare la carta, ad opera di
Marisa Cortese.
L’idea  parte  dall’intenzione  di ridefinire uno spazio creando un insieme
armonioso tra elementi naturali, carta e suono.
Il  visitatore  non  sarà  soltanto  spettatore,  ma parte integrante dello
spazio  che  reagirà  alla  sua  presenza,  proiettandolo  in  un tempo non
definito,  dove  prima e dopo non sono più distinguibili, dove l’istante ha
durata infinita.
L’unicità  del  design  di Manoteca, un vecchio pianoforte e una foresta di
alberi  di  caffè  indonesiani incontrano gli oltre 5000 origami realizzati
per  dare  corpo  ad  un luogo effimero, ideale, mediante la sospensione di
forme  leggere  dal  suono animato. L’apparenza e la realtà si confondono e
trasformano la materia in elemento impalpabile e indefinito.
La  mostra  è  realizzata  in  collaborazione  con il Museo della Musica di
Bologna, Festival delle Fiabe giugno 2014 e con il patrocinio di: Ministero
degli  Affari  Esteri  Italiano,  Consolato Generale del Giappone a Milano,
Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Università di Bologna.
Elisa  Cavani  designer  e  fondatrice  di Manoteca, produce pezzi unici di
design  interamente  fatti  a mano. Master in design e comunicazione presso
l’Università  del  progetto  di  Reggio Emilia ed esperienza decennale come
visual-merchandiser  per  diverse  case  di  moda. Trasformare materiali di
recupero  in  oggetti dallo spiccato senso estetico trattandoli come vere e
proprie  opere  d’arte è ciò che ha portato Manoteca a New York, Hong Kong,
Seul, Londra, Las Vegas.
Marisa  Cortese  inizia  a  praticare  l’origami  nel 2001 e ha tenuto vari
laboratori  pratici  per  diffonderne  e  promuoverne  la  conoscenza  e la
pratica.  Realizza  origami per allestimenti, eventi e progetti speciali. È
tra  gli  ideatori  di  Nipponica  e ne coordina i progetti legati all’arte
degli origami.
Info: www.museomusicabologna.it

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna – via Don Minzoni 14
“La  Grande  Magia.  Opere  scelte  dalla Collezione UniCredit”, fino al 16
febbraio 2014
Grazie  alla  collaborazione tra MAMbo e UniCredit arriva “La Grande Magia.
Opere  scelte  dalla Collezione UniCredit”, il grande evento espositivo che
riunisce  nelle  sale  del  museo  bolognese  i  capolavori  e le opere più
significative  di  una  tra  le  più  importanti  e  prestigiose collezioni
corporate in Europa.
La mostra è stata costruita dai due curatori Gianfranco Maraniello e Walter
Guadagnini,  in  collaborazione  con Bärbel Kopplin, intorno all’idea guida
della  magia  come “trama” che ricorre nella storia dell’arte. Magia intesa
come trasformazione della materia vivificata in opera d’arte, come capacità
di  possedere  la realtà in immagini, come forza simbolica di un sapere non
scientifico  che  interviene  sul  mondo  tangibile,  magia  quale forma di
seduzione per lo sguardo.
Le  oltre  90  opere  selezionate  coprono  un  arco  di  tempo  che va dal
Cinquecento ai giorni nostri.
Il  percorso  parte  dai lavori più antichi, tra cui “Psiche abbandonata da
Amore”  di  Dosso  Dossi  e  “Aracne tesse la tela” (meglio conosciuta come
“L’Indovina”)  di  Antonio Carneo, poste in dialogo con una scelta di libri
“magici”  coevi  prestati  dalla  Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di
Bologna,  per  arrivare  ai  lavori  di  artisti contemporanei delle ultime
generazioni  –  da Christian Marclay a Grazia Toderi, da Markus Schinwald a
Clare  Strand, fino a Elina Brotherus, Jeppe Hein, Beate Gütschow e Hans Op
de  Beeck  –  passando  per maestri co me Gustav Klimt, Giorgio de Chirico,
Fernand  Léger,  Edward Weston, Kurt Schwitters, Yves Klein, Arnulf Rainer,
Georg  Baselitz,  Gerhard Richter, Peter Blake, Christo, Günter Brus, Mimmo
Jodice,  Gilberto  Zorio,  Giulio  Paolini,  Richard  Long,  Candida Höfer,
Giuseppe Penone, Fischli e Weiss e Shirin Neshat, solo per citarne alcuni.
In   occasione   della   mostra  viene  pubblicato  un  catalogo  (Edizioni
Compositori)  contenente oltre alla riproduzione delle opere, testi critici
dei   curatori   e   di   altri   studio   si   e  intellettuali  sul  tema
dell’esposizione.
Info: www.mambo-bologna.org
“Tacita Dean. The studio of Giorgio Morandi”, fino al 9 febbraio 2014
Tacita  Dean,  una  delle  protagoniste più influenti della scena artistica
contemporanea,  arriva  al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna con “The
Studio  of  Giorgio  Morandi”, progetto espositivo che rende visibili negli
spazi  della  Collezione  Permanente  due  straordinari  film  dell’artista
britannica,  girati  nello studio che fu di Giorgio Morandi: “Still Life” e
“Day for Night”.
Entrambi  i  lavori  sono  stati  commissionati e prodotti dalla Fondazione
Nicola Trussardi nel 2009 con riprese effettuate da Tacita Dean all’interno
dell’appartamento  di  Bologna in cui Morandi visse e lavorò per gran parte
della  propria vita, oggi Casa Morandi, in particolare negli ambienti dello
studio, ricostruito nella collocazione originale.
Info: www.mambo-bologna.org
“Aldo Borgonzoni e il tema del lavoro”, fino al 15 dicembre 2013
La  mostra,  realizzata  in  occasione del centenario della nascita di Aldo
Borgonzoni,  si  propone  di  valorizzare  uno  degli  aspetti tematici più
cogenti  affrontati  da  Aldo  Borgonzoni  nel  corso  della  sua  attività
artistica:  il  tema  del  lavoro.  Si tratta di poche ma intense opere, di
poetica  neorealista,  dedicate  al  lavoro  delle donne e degli uomini nei
campi,  a  quella società contadina che, sino al boom economico esploso nel
secondo  dopoguerra,  è  stata  alla  base della cultura del Paese. Dipinti
provenienti  dallo  CSAC  –  Centro  Studi  e  Archivio della Comunicazione
dell’Università  degli  Studi  di Parma dialogano con le opere dello stesso
Borgonzoni  e  di  Renato  Guttuso presenti nelle Collezioni permanenti del
MAMbo.
Info: www.mambo-bologna.org

Museo del Patrimonio Industriale,  via della Beverara 123
“Giordani:  costruire giocattoli. Auto, carrozzine, biciclette per bambini,
1915-1961” fino al 2 febbraio 2014
Per  cinque  generazioni,  dal  1875  al 1984, la famiglia Giordani ha dato
vita, con impegno e passione, ad una ditta che, dall’originaria lavorazione
del  ferro,  si  è  specializzata nella produzione di giocattoli sportivi e
carrozzine.  Questa  “fabbrica della felicità” al servizio delle famiglie e
dei  bambini  ha  lasciato  un segno indelebile nel loro immaginario ed una
fama   che   ancora  sopravvive,  tanto  da  rendere  oggi  quegli  oggetti
particolarmente  ambiti  nel  mercato del modernariato e del collezionismo.
Gli  anni  compresi  tra  la  stampa  del  primo  catalogo, nel 1915, ed il
trasferimento  dell’Azienda da Bologna al nuovo stabilimento di Casalecchio
di   Reno,  nel  1961,  dove  regnerà  la  produzione  in  plastica,  hanno
rappresentato l’epoca pionieristica del giocattolo, costruito all’inizio in
ferro  e  legno  e  poi  in  lamiera  stampata, durante la quale il marchio
Giordani   si   è   accreditato   dapprima  in  Italia,  quindi  in  ambito
internazionale.
L’apporto  dei  collezionisti del settore ha reso disponibili 37 giocattoli
tra  i più rappresentativi della produzione Giordani, alcuni dei quali rari
o  particolari,  costruiti  in  ferro,  legno e lamiera stampata: tricicli,
biciclette  con  e  senza  ruotine,  ciclo  side-car,  automobili a pedali,
automobile  elettrica,  reattore,  autoareoplano, ciclopattino, carrettino,
carrozzine per bambino e per bambola.
Oltre 400 immagini di Cataloghi e foto d’epoca sono visibili in 5 visori ed
una videoproiezione.
Info: www.comune.bologna.it/patrimonioindustriale

L’Istituzione  Bologna Musei è il rinnovato assetto istituzionale dei Musei
civici  bolognesi, che si pone l’obiettivo della razionalizzare dei servizi
e  dell’inquadramento  di  un  notevole patrimonio in un progetto culturale
rinnovato  e coerente. Il modello che viene proposto è quello di un sistema
culturale  policentrico,  fortemente  coordinato,  in  cui  le  specificità
museali   esprimono  una  chiara  identità  e  un  determinato  settore  di
intervento, proponendosi come punti di riferimento e come presidi culturali
allargati al territorio.
I  Musei  civici,  con le loro competenze e le loro attività, hanno infatti
saputo nel tempo accreditarsi come attori essenziali dell’offerta culturale
della   città,   soprattutto   in  riferimento  alla  salvaguardia  e  alla
valorizzazione  di parti del patrimonio. Con l’articolata realtà delle loro
collezioni  sono infatti in grado di documentare l’intera storia di Bologna
e  del  suo  territorio,  dai  primi  insediamenti  preistorici  fino  alle
dinamiche    economiche   e   produttive   della   società   contemporanea.
Parallelamente   sono   documentati   aspetti   importanti  dello  sviluppo
culturale,  artistico,  scientifico  e  tecnologico  del nostro territorio:
dalla  stagione  del  collezionismo  erudito  del XV e XVIII secolo sino ai
prodotti  più  significativi  del distretto industriale meccanico, passando
attraverso le suggestioni dell’arte moderna e contemporanea.
Fanno parte dell’Istituzione Bologna Musei: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di
Bologna,  Museo  Morandi,  Casa  Morandi,  Villa  delle  Rose, Museo per la
Memoria  di  Ustica,  Museo  Civico  Archeologico,  Museo Civico Medievale,
Collezioni  Comunali  d’Arte,  Museo  Civico  d’Arte Industriale e Galleria
Davia  Bargellini, Museo del Patrimonio Industriale, Museo e Biblioteca del
Risorgimento, Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna.

INDIRIZZI E RECAPITI

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e Museo Morandi
via Don Minzoni 14
tel. 051 6496611
aperto:  martedì, mercoledì e venerdì: ore 12-18; giovedì, sabato, domenica
e festivi: ore 12-20

Casa Morandi
via Fondazza 36
tel. 051 6496611
aperto: su prenotazione

Villa delle Rose
via Saragozza 228/230
tel. 051 436818 – 6496611
aperto: in occasione di eventi espositivi

Museo per la Memoria di Ustica
via di Saliceto 3/22 (ex magazzini ATC)
tel. 051 377680
aperto: venerdì, sabato e domenica: ore 10-18

Museo Civico Archeologico
via dell’Archiginnasio 2
tel. 051 2757211
aperto:  martedì  –  venerdì:  ore  9-15;  sabato,  domenica e festivi: ore
10-18.30

Museo Civico Medievale
via Manzoni 4
tel. 051 2193930 – 2193916
aperto:  martedì  –  venerdì:  ore  9-15;  sabato,  domenica e festivi: ore
10-18.30

Collezioni Comunali d’Arte
Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore 6
tel. 051 2193998
aperto:  martedì  –  venerdì:  ore 9-18.30; sabato, domenica e festivi: ore
10-18.30

Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini
Strada Maggiore 44
tel. 051 236708
aperto: martedì – sabato: ore 9-14; domenica e festivi: ore 9-13

Museo Internazionale e Biblioteca della Musica
Strada Maggiore 34
tel. 051 2757711
aperto:  martedì  –  venerdì:  ore 9.30-16; sabato, domenica e festivi: ore
10-18.30

Museo del Patrimonio Industriale
via della Beverara 123
tel. 051 6356611
aperto:  martedì  –  venerdì: ore 9-13; sabato: ore 9-13 e 15-18; domenica:
ore 15-18

Museo Civico del Risorgimento
Piazza Carducci 5
tel. 051 347592
aperto: martedì – domenica: ore 9-13

Tags

Author

©2014 bolognachannel.tv