Post Date : 15 ottobre 2013

BOLOGNAFESTIVAL 2013 IL NUOVO L’ANTICO Percorsi Vocali

Schermata 2013-10-15 alle 14.06.39
Schermata 2013-10-15 alle 14.06.39

Post Detail

#bologna #bolognafestival2013 #bolognafestival

Giovedì 17 ottobre ore 20.30, Oratorio San Filippo Neri, la rassegna Il Nuovo l’Antico prosegue con un concerto del ciclo “Percorsi vocali”. L’Ensemble Aurora sotto la direzione di Enrico Gatti, che ne è il fondatore e primo violino, esegue un programma interamente dedicato a Luigi Boccherini, tra brani strumentali cameristici e pagine vocali che oggi capita di ascoltare piuttosto raramente nelle nostre sale da concerto. Per l’esecuzione dello Stabat Mater, nella prima versione datata 1781, al titolato ensemble con strumenti originali si unisce il soprano Gemma Bertagnolli, specialista del repertorio vocale barocco e settecentesco. Ugualmente rara l’occasione d’ascolto offerta dai due Quintetti per archi, nella compagine con due violoncelli tanto prediletta dall’autore lucchese: l’Ensemble Aurora, sotto la competente guida di Enrico Gatti, ricrea con strumenti originali una trasparente drammaturgia del suono.

 

Giovedì 17 ottobre ore 20.30

Oratorio San Filippo Neri

 

Ensemble Aurora

Enrico Gatti primo violino, direzione

Gemma Bertagnolli soprano

 

Luigi Boccherini Quintetto op.27 n.2 G.302

Luigi Boccherini Quintetto op.29 n.3 G.315

Luigi Boccherini Stabat Mater G.532 (prima versione, 1781)

 

Il concerto monografico dedicato a Boccherini è bipartito: vi figurano due Quintetti per archi (con doppio violoncello) e lo Stabat Mater. L’aspetto più innovativo, di una lucentezza attraversata da accensioni passionali, si riscontra nei Quintetti, a conferma che Boccherini è il protagonista, accanto ad Haydn e Mozart, della musica strumentale del secondo Settecento. La vocalità, invece, è ligia alla tradizione anche nello Stabat, per il quale il compositore lucchese ha scritto due versioni: la prima del 1781 per soprano e quintetto d’archi e la seconda, un ventennio dopo, con un organico vocale allargato.

 

BIGLIETTI

Vendita Online: www.bolognafestival.it, www.vivaticket.it, www.classictic.it

Biglietteria Bologna Welcome, Piazza Maggiore 1/E, dal martedì al sabato ore 13 – 19, tel. 051 231454.

Concerti Il Nuovo L’Antico biglietto posto unico € 25. Biglietto Giovani € 8

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Domenica 20 ottobre (Grandi Interpreti) Teatro Manzoni

FABIO LUISI, ORCHESTRA DELL’ACCADEMIA DELLA SCALA

 

Mercoledì 23 ottobre (Šostakovič-Gubajdulina) Oratorio San Filippo Neri

EX NOVO ENSEMBLE

 

Enrico Gatti. Nato a Perugia nel 1955, dopo il diploma in violino approfondisce lo studio del repertorio barocco e classico; si perfeziona al Conservatorio dell’Aia con Sigiswald Kuijken. Nel corso della sua carriera Enrico Gatti si è esibito in Europa, Stati Uniti, Sud America, Giappone e Australia, lavorando con i più importanti ensemble di musica antica. È stato primo violino de Les Arts Florissants, Les Talens Lyriques, The King’s Consort, Bach Collegium Japan, Concerto Köln e ha collaborato con direttori come Gustav Leonhardt e Ton Koopman. Dirige l’Ensemble Aurora, gruppo da lui stesso fondato nel 1986. Svolge inoltre una intensa attività didattica, già docente di violino barocco nei Conservatori di Toulouse, Ginevra, Roma, Novara e Piacenza, alla Schola Cantorum Basiliensis, alla Civica Scuola di Musica di Milano e alla Scuola di Musica di Fiesole; attualmente insegna nei Conservatori di Milano e dell’Aia. Cura l’edizione dell’opera omnia di Alessandro Stradella e da anni, insieme al suo ensemble, si impegna nella riscoperta e valorizzazione del patrimonio musicale italiano del Seicento e del Settecento, con una speciale attenzione alla celebrata tradizione violinistica italiana.

 

Gemma Bertagnolli. Voce di soprano, Gemma Bertagnolli ha esordito giovanissima sui palcoscenici italiani, vincitrice di concorsi vocali nazionali e internazionali quali l’AsLiCo di Milano e il Francisco Viñas di Barcellona. Ospite dei maggiori teatri europei – dalla Scala di Milano al Théâtre des Champs-Élysées di Parigi, alla Staatsoper di Berlino – predilige il repertorio barocco e ha approfondito lo studio delle prassi esecutive antiche lavorando a stretto contatto con direttori quali Rinaldo Alessandrini, Ottavio Dantone, René Jacob, Marc Minkowski, Fabio Biondi, Alan Curtis, Giovanni Antonini. Ha interpretato Il ritorno di Ulisse in patria e L’incoronazione di Poppea al Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di Ivor Bolton, oltre al Trionfo del tempo e del disinganno di Handel, Motezuma di Vivaldi, Agrippina di Handel, Ercole sul Termodonte di Vivaldi e Solimano di Hasse. Il suo repertorio operistico comprende anche Mozart, Bellini, Donizetti; quello sinfonico-vocale spazia da Bach, Vivaldi, Mozart alla Nona di Beethoven e la Quarta di Mahler. Ha collaborato con direttori come Wolfgang Sawallisch, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Daniele Gatti, Fabio Luisi, Roberto Abbado, Semyon Bychkov.

Tra le sue incisioni, si distinguono i titoli vivaldiani Orlando finto pazzo con Academia Montis Regalis e La verità in cimento con l’Ensemble Matheus, Venus and Adonis di Handel con l’Ensemble Zefiro e lo Stabat Mater di Boccherini con l’Ensemble Aurora.  Gemma Bertagnolli insegna canto al Conservatorio di Trento.

Ensemble Aurora. Ensemble con strumenti originali, è formato da musicisti che hanno una solida conoscenza delle prassi esecutive antiche, grazie a studi svolti presso le scuole europee di maggior prestigio e grazie ad una attività concertistica che li vede al fianco di rinomati specialisti di questi repertori. La cifra stilistica che contraddistingue le loro interpretazioni è maturata nel corso di anni di approfondito lavoro sulla letteratura strumentale del XVII secolo e, in particolare, sulle Sonate a tre di Corelli. Gaetano Nasillo, allievo di Rocco Filippini, è attualmente uno dei più stimati violoncellisti barocchi, invitato da gruppi come Le Concert des Nations di Jordi Savall, Ensemble Elyma o Ensemble 415. Sara Bennici ha studiato violoncello con Franco Rossi e Andrea Nannoni e fa parte dell’Orchestra Barocca Zefiro, presente nei principali festival europei. Insieme a Gaetano Nasillo e al cembalista Luca Guglielmi ha inciso le Sonate di Antonio Caldara e le Sonate di Carlo Graziani. Il violinista Sebastiano Airoldi si è specializzato nel repertorio antico con Enrico Gatti e all’attività concertistica affianca l’insegnamento del violino presso il Conservatorio di Parma. Rossella Croce ha frequentato la Scuola Civica di Milano e i corsi di Enrico Gatti al Conservatorio dell’Aia; collabora con numerosi ensemble, tra cui Concerto Palatino, Cappella della Pietà dei Turchini e Accademia Hermans.

Ufficio Stampa Bologna Festival – Paola Soffià

tel 051 6493397 – cell 328 7076143

stampa@bolognafestival.it

 

Tags

Author

©2014 bolognachannel.tv